skip to Main Content
Olint

Investire nell’Agricoltura: un modello redditizio

Investire Nell’Agricoltura: Un Modello Redditizio

Chi non vorrebbe giocare d’anticipo ed essere il primo a investire nelle aziende che definiranno la società del futuro?

Alcuni fondi come Adamant Medtech, Nordea Global Climate and Enviroment Fund, BGF New Energy Fund, Pictec Wealth Management o la Sicav spagnola Kokoro stanno puntando all’identificazione delle nuove tendenze che delineeranno l’economia mondiale del futuro, cogliendo opportunità molto interessanti nel campo della biotecnologia, della medicina o dell’energia. Questi fondi solitamente cercano di intuire i movimenti futuri dei settori apparentemente più tradizionali e si basano sulla premessa per cui l’economia reale e il guadagno si trovano fondamentalmente nelle attività di prima necessità e che il loro potenziale di crescita è direttamente collegato a qualcosa di stabile e sicuro: la sopravvivenza. L’agricoltura per tale motivo è il valore sicuro su cui investire.

The Economist ha previsto che, nei prossimi 40 anni, gli esseri umani dovranno produrre più cibo dei 10.000 anni precedenti, ma con la crescita delle città che inghiottono le terre coltivabili, con la produttività agricola in calo e la domanda di biocarburanti in aumento, l’offerta non riuscirà a stare al passo con la domanda.

Nella coscienza delle persone ha fatto finalmente breccia l’idea dell’agricoltura come risorsa fondamentale per la vita del pianeta. Gli specialisti finanziari sono d’accordo nell’affermare che uno dei fattori scatenanti della crisi dei subprime sia stata proprio la sopravvalutazione di prodotti finanziari nei quali l’attività sottostante non era più identificabile. Investendo nell’agricoltura primaria, l’attività sottostante è ovvia e chiara: la Terra.

Una delle condizioni imprescindibili affinché il mondo possa produrre il cibo necessario per vivere è l’acqua. Solo il 20% -25% delle coltivazioni mondiali vengono irrigate, ma producono il 50% di tutto il cibo prodotto nel mondo. A ciò vanno aggiunti i cambiamenti climatici e la globalizzazione che stanno cambiando le abitudini di consumo locali.

“È più sicuro investire in attività reali, attività materiali che non rischiano domani la svalutazione monetaria, fallimenti bancari o ristrutturazioni obbligazionarie con una perdita del 40% ”(Garrigasait)

Questi fattori stanno causando una crescita costante e continua della domanda alimentare mondiale ad un tasso di crescita del 2-3% annuo e l’aumento degli investimenti volti al miglioramento e ad una maggior efficienza della produzione alimentare. Ci sono agricoltori, scienziati e imprenditori che hanno grandi idee. Ma hanno bisogno di finanziamenti esterni per fare il grande salto; questo sarà il ruolo dei fondi di investimento: immettere liquidità per trasformare le idee in realtà redditizie. Questo processo consentirà all’agricoltura di diventare una fonte affidabile di ritorno sugli investimenti.

Secondo José María Luna, partner di CASER Asesores Financieros, uno dei grandi vantaggi dei fondi innovativi è che sono più resistenti all’instabilità del ciclo economico rispetto ai mercati finanziari tradizionali. Cioè, se la gestione è buona, la redditività di questi fondi sarà stabile, anche se l’economia soffre di oscillazioni.

Secondo l’opinione del Dott.ssa. in Agronomia Silvia Bures, Rettore dell’Università per Ingegneri Agricoli della Catalogna, investire nell’agricoltura oggi appare come una scommessa sicura per il futuro. Per nutrire una popolazione in crescita e sempre più esigente, sarà necessario fare affidamento su un’agricoltura altamente tecnologica. Le tecniche tradizionali diventeranno ben presto obsolete e dovranno lasciare spazio a nuove tecnologie e sistemi agricoli in grado di aumentare la produzione ottimizzando risorse naturali sempre più scarse, di rispettare un ambiente minacciato e di offrire prodotti più sani ai consumatori. Questa nuova agricoltura richiede ingenti investimenti e un cambiamento di mentalità nell’agricoltore che dovrà ottimizzare le risorse finanziarie e professionalizzare la sua attività in conformità con le nuove esigenze tecnologiche: includere la digitalizzazione dei processi produttivi e diventare un vero e proprio manager della produzione alimentare. Il ruolo dei professionisti in questo nuovo modo di coltivare o, in definitiva, di produrre prodotti alimentari è essenziale. “In qualità di Rettore dell’Università per Ingegneri Agricoli della Catalogna, auguro agli ingegneri agricoli un futuro radioso” – ha affermato.

agricultura eficiente

Negli ultimi anni il settore agricolo ha subito una grande trasformazione che ha rappresentato una grande sfida per i professionisti: adattarsi a tecnologie sempre più avanzate e a ritmi di crescita di produzione inimmaginabili. E il futuro del settore sembra ancora più entusiasmante.

Si richiede un’agricoltura solida, potente, efficace e tecnologica. Secondo la Dott.ssa María Cruz – Rettore della Università per Ingegneri Agricoli del Centro e delle Isole Canarie (COIACC)- le sfide più importanti di questa grande trasformazione del settore saranno: il prezzo dell’energia, che ne ostacola la tecnicizzazione; l’innovazione e la conoscenza dei nuovi sistemi agricoli che raggiungeranno più velocemente gli agricoltori e la redditività delle coltivazioni, che frenerà l’abbandono della campagna da parte delle nuove generazioni.

Uno dei primi fondi innovativi a posizionarsi nel settore agricolo è stato il Pictet Wealth Management, con segmenti che hanno raggiunto un sorprendente rendimento medio annuo del 14% negli ultimi cinque anni.

Altrettanto degno di nota è stato l’investimento del fondo March International Vini Catena con cantina Barón de Ley e di altre società che producono macchinari agricoli, produttori di bottiglie e produttori di sughero; l’acquisizione da parte del fondo ProA capital del leader nella produzione di uva da tavola senza semi Moyca o l’acquisizione di Plantas de Navarra SA (Planasa), società leader nell’ottenimento di varietà e miglioramento genetico di frutti rossi, da parte del fondo di venture capital Cinven, che ha partecipato all’asta insieme ad altri fondi che hanno investito nella compagnia petrolifera Deoleo. Altro esempio: l’interesse di fondi di investimento in due società leader nel settore ortofrutticolo spagnolo, Agrupapulpí e Bollo internacional Fruits. È chiaro dunque come l’agricoltura si sia affermata nelle agende dei fondi di investimento.

Il fondo che maggiormente attira la nostra attenzione è il Panda Agriculture & Water Fund, amministrato da Marc Garrigasait. Questo fondo incentrato sulla gestione delle risorse idriche e sull’agricoltura ha raggiunto un rendimento del 16,3% nell’ultimo anno. La scommessa di questo fondo era di investire in tutta la catena, dai produttori di carne, frutta o cereali, a terreni agricoli, produttori di tecnologia agricola, semi, fino all’acqua. Dalla sua creazione nel maggio 2013, è cresciuto di oltre il 30% e le sue previsioni sembrano molto ottimistiche vista la realtà attuale.

Illustrazione 2. Raccolta meccanica di mandorli in siepe (Mas de Felis, Granja d'Escarp, Lleida)
Illustrazione 2. Raccolta meccanica di mandorli in siepe (Mas de Felis, Granja d’Escarp, Lleida)

Negli ultimi anni gruppi internazionali di capitali sovrani stanno acquistando aziende agricole in Spagna – ad esempio la società di distribuzione Miquel Alimentació acquisita da Bright Foods, conglomerata statale cinese o l’acquisto del gruppo valenziano Dadelos da parte della società giapponese Ajinomoto, produttrice di condimenti come il glutammato monosodico. Questi fondi di capitale stanno cambiando la geopolitica e vogliono garantire alle loro popolazioni cibo a sufficienza in uno scenario futuro di crescita inarrestabile della popolazione mondiale.

In questo scenario, la Spagna e il Portogallo godono di condizioni molto favorevoli ad una produzione agricola efficiente. Grazie ai crescenti investimenti nel settore agroalimentare, allo sviluppo varietale e all’innovazione delle tecnologie, l’industria agricola sta raggiungendo ottimi risultati. Si sta effettivamente realizzando un grande investimento nella Penisola. Secondo Garrigasait, stiamo cominciando a vedere un vero e proprio boom degli investimenti agricoli che potrà durare 20 o 30 anni, un fenomeno che sarà guidato da fondi sovrani che realizzeranno numerosi investimenti nell’agricoltura spagnola. Tuttavia, per questo fondo non è stato sempre tutto rose e fiori. Alcuni anni fa infatti il fondo ha registrato anche rendimenti negativi poiché i prezzi di vendita dei prodotti agricoli crollarono nuovamente dopo un lungo periodo rialzista. Garrigasait chiede pazienza agli investitori interessati nel settore e prevede una pressione globale dalla domanda alimentare e la rivalutazione dell’agricoltura.

In qualsiasi settore durante le fasi di cicli bassi gli investimenti sono più interessanti e i rendimenti futuri attesi  più alti, anche se lenti e graduali. E questo, secondo Garrigasait, è positivo perché le fluttuazioni improvvise e veloci hanno avuto effetti molto negativi negli altri settori, come in quello immobiliare ad esempio, fluttuazioni che han fatto sì che le persone facessero follie ma anche che tutti perdessero: investitori, banche e aziende. Non dobbiamo dimenticare la premessa principale: se per raccogliere i frutti di un investimento bisogna essere pazienti, nel settore agricolo bisogna esserlo ancora di più, poiché i risultati si vedono a lungo termine. Ed è proprio qui che entrano in gioco i nuovi modelli di piantagioni in siepe che, grazie all’elevata densità di piantagione e alla possibilità di meccanizzazione, riducono a 2-3 anni l’inizio della produttività aumentando la redditività del raccolto.

Proprio grazie alla sua elevata redditività e al rapido ritorno sugli investimenti questo sistema, già utilizzato in modo soddisfacente con gli ulivi e i mandorli, viene esteso ad altre colture. Da qui l’interesse di alcuni fondi che stanno valutando tali progetti per valutarne i redditi più elevati.

“Sebbene con i modelli di coltivazione in siepe, le piantagioni richiedano un investimento molto più elevato, queste permettono di iniziare la produzione più velocemente. La produttività per ettaro è maggiore e la raccolta è meccanica, il che accelera il processo e riduce anche la necessità di manodopera e, di conseguenza, il costo totale ”(Progetto Elaia)

Atitlán è un fondo che ha utilizzato questo modello per lanciare Elaia, un progetto svolto con la società portoghese Sovena. Un progetto agricolo che si consolida come il più grande uliveto del mondo, che supera già i 15.000 ettari e i 76 milioni di vendite (2017) e che incentivato dalle risorse idriche che il serbatoio Alqueva rappresenta, che irriga con acqua del Guadiana oltre 100.000 ettari nel sud del Portogallo, prevede di  acquistare ancora numerose tenute in Portogallo e Spagna nonostante il calo dei prezzi di mercato. Altre società come Deoleo o Migasa, grandi imbottigliatori e produttori come Acesur, Maeva, Dcoop o Olivar de Segura, hanno valutato l’acquisto di uliveti nelle casse di espansione per abbandonare il progetto quando i prezzi sono tornati a livelli medi. Elaia ad ogni modo continua a crescere e ad acquistare tenute anno dopo anno senza il timore di fluttuazioni dei prezzi e dei modelli di consumo. Secondo i suoi amministratori, il segreto sta nel trovare tenute che si adattino perfettamente al modello: buona disponibilità d’acqua e buona qualità del terreno in cui si possa inserire un sistema di coltivazione in siepe meccanizzato, che riduca i costi e favorisca l’elevata redditività con un inizio precoce di produttività.

Anche Alboris Mancha per tentare di estendere gli investimenti agricoli ai profili più conservatori e tradizionali ha lanciato un progetto grazie ai progressi tecnologici di uliveti in siepe finanziato attraverso la piattaforma di investimento collettivo FelowFunders. Pablo Cuesta, il suo socio afferma che grazie alle garanzie e ai finanziamenti ottenibili per il progetto, si possa tutelare questo modello di coltivazione di ulivi o mandorli con rendimenti superiori al 10%, anche in un momento di prezzi dei prodotti così bassi.

In questi progetti di investimento anche l’attenzione alle nicchie e al valore aggiunto che queste possono apportare, come ad esempio la certificazione ecologica, rappresenta un plus.

Un altro vantaggio dei modelli a siepe meccanizzabili per i progetti di investimento: il prezzo minimo a partire dal quale il progetto perde la redditività diminuisce considerevolmente, riducendo i rischi connessi al progetto

L’elevata redditività dei modelli di coltivazione intensiva, l’integrazione della tecnologia necessaria durante tutto il ciclo di vita della pianta per fornirle in ogni momento ciò di cui ha bisogno e per fare quindi un uso più efficiente di acqua ed energia e incrementare la produzione si presenta come una soluzione sostenibile e redditizia per l’agricoltore. Questo ha portato il Gruppo Suez ad esempio a creare un dipartimento specifico di Agricoltura il quale accompagna e consiglia gli agricoltori ad affrontare le sfide del settore e a migliorare la redditività delle sue aziende agricole attraverso un nuovo modello di business di servizi integrati che include piantagione, irrigazione, tecnologia e finanziamenti o il gruppo portoghese-brasiliano Veracruz a prevedere di piantare 5.000 ettari di mandorle in siepe in Portogallo.

Ad attirare adesso l’attenzione degli amministratori patrimoniali di alcuni fondi è l’ultima tendenza negli investimenti agricoli: piantagioni di mandorli in siepe e mandorli auto-radicati in terreni aridi, i cui studi di fattibilità stanno registrando rendimenti importanti a condizioni di prezzo al quale un coltivatore di mandorle in California perderebbe denaro. Secondo Jose M. Lacarte, Direttore Commerciale di Agromillora, con un prezzo delle mandorle inferiore alla soglia di redditività californiana fissata a 3,80 EUR, il modello di mandorla in siepe restituisce ancora rendimenti vicini al 18-20%, oltre a consentire l’inclusione di mandorle biologiche con rendimenti ancora più elevati.

Illustrazione 3. Simulazione di produzione e redditività prodotta dalla coltivazione del  mandorlo in siepe (v3)
Illustrazione 3. Simulazione di produzione e redditività prodotta dalla coltivazione del mandorlo in siepe (v3)

Possiamo pertanto affermare che gli investimenti nell’agricoltura efficiente non solo saranno essenziali per la sostenibilità globale ma che diventeranno una delle tendenze più interessanti per i fondi di investimento che cercano tendenze alternative poiché le attività agricole sono più sicure e diversificate, con un livello di leva finanziaria inferiore e una volatilità minore rispetto alle attività finanziarie tradizionali; le coltivazioni in siepe saranno le coltivazioni che guideranno gli investimenti grazie alla loro alta efficienza, produzione precoce e meccanizzazione, che li porterà a raggiungere tassi di rendimento molto interessanti.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top