skip to Main Content
Olint

IL MANDORLO IN SPAGNA

IL MANDORLO IN SPAGNA

Situazione e innovazione tecnologica per una produzione sostenible

La Spagna è il terzo produttore mondiale di mandorli, e la produzione del 2019 si è avvicinata di molto a quella dell’Australia. Il mandorlo, insieme all’olivo e alla vigna, costituiscono da secoli la trilogia mediterranea con una coltivazione prevalentemente pluviale, basata su alberi di notevole volume e ampie cornici di piantagione. Per questo motivo, la sua area di coltivazione tradizionale è stata sul versante mediterraneo (Figura 2), poiché è qui che ha trovato il suo miglior adattamento edo-climatico. Negli ultimi decenni, la sua espansione ha portato allo spostamento verso altre regioni del nord, centro e ovest, compreso il Portogallo.

L’evoluzione totale della superficie del mandorlo in Spagna nel periodo 2004-2019 mostra una progressiva diminuzione fino al 2014, per poi iniziare una progressiva e continua risalita sino ad oggi come illustrato nella Figura 3 per il periodo 2013-2019. Questo è il risultato della coltivazione di importanti piantagioni negli ultimi due decenni, che ha portato a un aumento molto significativo, sia nelle aree che nella produzione, raggiungendo 101.900 t di mandorle in granella nella produzione 2019-2020. In questa produzione vi era una superficie totale di 653.021 ha, di cui 557.069 ha corrispondono a terra piovana e solo 95.952 a terra irrigata (Figura 2), per cui questa opzione è aumentata del 45% negli ultimi 5 anni, rappresentando attualmente 15% della superficie totale. Il 29% della superficie irrigata corrisponde a nuove piantagioni.

L’attuale distribuzione geografica della coltivazione del mandorlo in Spagna mostra chiaramente come la maggior parte dell’area si trovi sul versante mediterraneo, espandendosi nell’ultimo decennio ad altre aree di Castilla León, Extremadura e Andalusia, dove questa specie è stata tradizionalmente meno diffusa. La distribuzione della produzione per comunità autonome mostra un’ampia distribuzione territoriale, ma mostra anche che ci sono tre regioni veramente importanti,che contribuiscono al 75% della produzione nazionale. Si tratta dell’Andalusia, della Castilla la Mancha e dell’Aragona, come si può vedere nella Figura 4, dove è anche esposta la sua evoluzione nel periodo 2004-2018. Quest’evoluzione mostra anche qualcosa di caratteristico del mandorlo come le oscillazioni tra gli anni a seconda delle condizioni climatiche, in particolare nelle gelate primaverili. Queste influenzano la varietà di fioritura precoce con ampia piantazione territoriale come “Marcona” o “Desmayo Llargueta” con fioritura precoce.

Figura 4: Evolución de la producción de almendra cáscara (t) por Comunidades Autónomas en España a lo largo del período 2004-2018 y distribución para el año 2018 (Fuente MAPA).
Figura 4: Evoluzione della produzione di mandorle in guscio (t) da parte delle comunità autonome in Spagna nel periodo 2004-2018 e distribuzione per l’anno 2018 (Fonte MAPA).

Le produzioni medie degli ettari produttivi sono state tradizionalmente molto basse in Spagna, con valori medi di 240 kg/ha di granella di mandorla, essendo una coltura presente in molte regioni marginali e pluviali. Nel caso delle zone aride fresche e data la bassa redditività delle colture estensive, attualmente sono in fase di valutazione e sviluppo nuove opzioni produttive come i mandorli auto-radicati in diverse regioni della Spagna che combinano tre fattori: varietà autofertili a fioritura tardiva, tecnologia di micropropagazione e conduzione in copertura di piccoli volumi (Iglesias, 2019b). Tuttavia, nell’irrigazione la produzione media è di 600 kg/ha.

Sia le produzioni degli ultimi anni che le proiezioni previste fino al 2025 (Figura 4), indicano una crescita sostenuta delle produzioni. Questo è il risultato delle importanti piantagioni realizzate nell’ultimo decennio, sia in Spagna che in Portogallo. In assenza di dati ufficiali e sulla base delle vendite dei principali vivai spagnoli, si stima che negli ultimi 5 anni siano stati prodotti annualmente tra i 15 e i 20 milioni di mandorli con destinazione maggioritaria in Spagna (77%), Portogallo (19 %) e, in misura minore, in Italia. La maggior parte è stata destinata alle zone aride (75-80%) e ai sistemi tradizionali e intensivi (94%).

Considerando il numero di piantine prodotte, si può stimare che la superficie piantata annualmente tra Spagna e Portogallo non sia stata inferiore a 30.000 ha/anno. Ciò rappresenta un aumento molto importante che consente la proiezione stimata delle produzioni nell’orizzonte 2025 mostrato nella Figura 4.

La tecnologia di produzione

Portainjertos            

Per quanto riguarda i portinnesti, il loro utilizzo è stato strettamente legato al sistema di formazione utilizzato nelle diverse aree di produzione. La cultura a innesto, con le sue diverse varianti, è stato il sistema predominante, tradizionalmente utilizzando come standard i mandorli amari e la varietà “Garrigues”. Negli ultimi due decenni per questo sistema di coltivazione si è generalizzato l’utilizzo dei vigorosi portainnesti GF-677, Garnem e più recentemente Rootpac®R, in quanto conferiscono minor vigore, consentendo di intensificare la semina e presentando un buon adattamento ai terreni compatti, non molto fertili o con problemi di reimpianto.

Per il sistema a siepe, il portinnesto principale utilizzato è stato il Rootpac®20 poiché fornisce vigore controllato e un ottimo comportamento in terreni fertili, ma anche pesanti o con problemi di soffocamento o nematodi. Nel caso in cui i terreni lo richiedono a causa della loro bassa fertilità, tessitura compatta, scarso drenaggio, ecc., Rootpac®R fornisce ottimi risultati grazie alla sua eccellente adattabilità. Il vigore dei portinnesti citati è visibile nella figura 6, dove è evidente la differenza di vigore conferita alla varietà. Per il sistema a siepe, il portinnesto utilizzato principalmente in Spagna e Portogallo è Roopac®20 insieme a Rootpac®R, nei casi in cui le limitazioni del suolo lo giustifichino.

Allo stesso tempo, quest’ultimo è di notevole interesse per il sistema intensivo con cornici di semina più piccole perché consente un migliore controllo del vigore.

            

Figura 6: Vigor conferido por diferentes patrones de la serie “Rootpac®”, con respecto a los de referencia: Garnem y GF-677.
Figura 6: Vigore conferito da diversi portinnesti della serie “Rootpac®”, rispetto a quelli di riferimento: Garnem e GF-677.

Varietà      

L’attuale struttura produttiva del mandorlo in Spagna mostra come diverse varietà siano prodotte in diverse aree produttive, cercando il miglior adattamento possibile, altre sono comuni a molte aree. Complessivamente, le varietà che contribuiscono al volume di produzione più elevato sono “Guara”, “Avijor” e “Soleta”, le tre varietà autofertili. Tuttavia, in molte zone aride con poca o nessuna irrigazione, “Marcona” (un punto di riferimento in termini di qualità) e “Llargueta Desmayo” continuano a essere coltivate.

La notevole innovazione nelle varietà spagnole è stata “la chiave di ritorno” su cui poggia il notevole sviluppo del mandorlo negli ultimi due decenni nell’Europa meridionale, in particolare in Spagna e Portogallo. Queste varietà provengono principalmente dai programmi di miglioramento genetico di CEBAS-CSIC (Murcia), CITA (Aragona) e IRTA (Catalogna), nonché Lauranne (Avijor) dell’INRA (Francia).

Nel loro insieme, hanno come caratteri notevoli l’autofertilità e per lo più la fioritura media o tardiva, coprendo un ampio calendario di maturazione (Figura 7). Inoltre, molti di loro presentano una fruttificazione maggioritaria sui grappoli di maggio che possono essere perpetuati per anni se la gestione è adeguata, in particolare nella disponibilità di luce e nutrienti (Miarnau et al., 2016, 2018). Le caratteristiche del chicco, sensoriali e attitudine alla lavorazione variano, essendo tutte di guscio duro o semiduro, il che le rende meno sensibili alle affezioni da parassiti e malattie.

Le varietà di origine californiana come “Nonpareil”, “Bute” o “Padre”, con guscio molle, hanno avuto scarso impianto in Spagna e Portogallo. La distribuzione delle varietà dipende dal loro adattamento alle principali zone di produzione, principalmente dal rischio di gelate e anche dalla loro attitudine all’industrializzazione. Spiccano come varietà più piantate a livello globale negli ultimi anni Guara, Soleta e Avijor, a cui se ne devono aggiungere altre dal notevole impianto a seconda delle zone di produzione come Vairo, Marinada e Penta (qualità molto buona a livello gustativo), Belona (qualità paragonabile a Marcona) e altre più adatte al sud come Marta e Antoñeta o di una buona rusticità come Vialfás.

Figura 7: Períodos de floración y de maduración (<75% frutos con pericarpio abierto) de diferentes variedades de almendra en el Valle del Ebro. Media periodo 2010-2016 (Fuente: Adaptado de IRTA, CITA y CEBAS)
Figura 7:Periodi di fioritura e maturazione (<75% frutti con pericarpo aperto) di diverse varietà di mandorli nella Valle dell’Ebro. Periodo medio 2010-2016 (Fonte: adattato da IRTA, CITA e CEBAS)

Sistemi di formazione    

La specifica combinazione varietà/portinnesto, insieme al sistema di formazione e alla sua cornice di piantagione corrispondente, costituiscono le due componenti principali della resa nelle piantagioni dei mandorli.

Come in altre specie da frutto, ma con notevole ritardo, nel mandorlo si nota una chiara tendenza all’intensificazione delle piantagioni (Iglesias, 2019a).

L’obiettivo è ottenere un più rapido ingresso in produzione e una maggiore efficienza nell’utilizzo degli input, legata ad un minor volume ed accessibilità dell’innesto. Al fine di classificare i sistemi di formazione/impianto nei mandorli, la Tabella 2 mostra in modo semplificato i più utilizzati attualmente in base alla cornice di piantagione.

Tabella 2: Principali sistemi di formazione utilizzati nelle piantagioni di mandorli in Spagna a seconda della cornice di piantagione.
Tabella 2: Principali sistemi di formazione utilizzati nelle piantagioni di mandorli in Spagna a seconda della cornice di piantagione.

L’intensificazione delle piantagioni consente un più rapido ingresso in produzione, grazie al fatto che ogni albero occupa velocemente lo spazio assegnato. Questa intensificazione è anche legata al vigore conferito dal portinnesto. Pertanto, nelle piantagioni superintensive, poiché hanno volume inferiori e più bidimensionali rispetto all’innesto, il controllo del vigore si ottiene naturalmente con l’uso di portinnesti a bassa vigoria come Rootpac®20. È stato inoltre dimostrato che l’intensificazione delle piantagioni consente un più rapido ingresso in produzione e un più rapido ammortamento della stessa, come mostrato nella Figura 8.

Questo dato, verificato da decenni in diverse specie di frutta (Iglesias e Torrents, 2020), unitamente alla disponibilità di portinnesti di medio e basso vigore (Rootpac®R e Rootpac®20) ha portato alla progettazione di nuovi e più intensivi sistemi di coltivazione sia a innesto che in siepe quando l’intensificazione è maggiore.

La scelta del sistema di formazione dei mandorli sarà in gran parte determinata dall’area di piantagione di ciascuna azienda e dalla sua disponibilità di manodopera. In piantagioni di medie o grandi dimensioni, l’uso di un ombrello rovesciato non è attualmente un’opzione fattibile a causa del tempo che richiede e per l’irrigazione. La manodopera, sia in Spagna che in Portogallo, è sempre più costosa, scarsa e di disponibilità incerta, il che rappresenta un rischio per i sistemi più dipendenti dalla manodopera.

Il sistema intensivo si basa su portinnesti di vigoria medio-alta, principalmente GF-677, Garnem e Rootpac®R (Figura 6). Le cornici di piantagione più comunemente usate vanno attualmente da 6 a 5 m tra le file e da 6 a 2 m tra gli alberi, a seconda del sistema di raccolta scelto. Il sistema di coltivazione più utilizzato è il bacino, con le sue diverse modalità, mentre con cornice più piccole viene utilizzato anche l’asse centrale. L’innesto può essere quello tradizionale a 3 o 4 rami principali con punto di incrocio a 1,10 m e potatura di ritorno a fine primo anno per rinforzare la struttura dell’albero, soprattutto quelli con ampi cornici di piantagione.

Per ricercare una maggiore facilità di formazione, manodopera meno specializzata e un più rapido ingresso in produzione, il sistema intensivo ha dato vita a diverse varianti, tra cui la “Potatura Aragonese 4.0”, sviluppata dal Vivaio Abel (Caspe), ampiamente utilizzato in Spagna e in Portogallo. Questo sistema, che condivide i principi della potatura e della gestione delle siepi, si basa su interventi di “pinzatura” in maturazione, abbinati manualmente alla potatura meccanica fino al quarto anno (4.0).

Ciò consente la moltiplicazione dei rami e una rapida occupazione dello spazio, nonché un più rapido ingresso in produzione, in particolare quando la piantagione si è intensificata. Dal quarto anno in poi gli interventi di potatura meccanica vengono eseguiti solo in modo meccanico specifico e solo quando la luce intercettata supera l’80%. Ciò consente di mantenere costante il volume della chioma e di ottimizzare l’intercettazione delle radiazioni. Nei sistemi intensivi, la cornice di piantagione 6 x 4 m è il limite per l’utilizzo di ombrelloni rovesciati, con cornici più piccoli viene imposto l’uso del sistema a tappeto o il sistema californiano di raccolta dal suolo.

Il sistema di mandorlo “in siepe”, noto anche come SES per l’acronimo in inglese: Sustainable and Efficient System e in alberi da frutto 2D, è il risultato di un’intensificazione del raccolto grazie all’utilizzo di portinnesti a bassa vigoria come Rootpac®20 che permettono l’intensificazione (Figura 6 e Tabella 2) e un buon controllo del vigore. Con ciò e con una corretta gestione della tecnologia di coltivazione, in particolare potatura, irrigazione e concimazione, si raggiunge la piena produzione nel terzo o quarto anno di impianto, il che consente di compensare il maggior costo di impianto rispetto agli impianti meno intensivi.

Il sistema si basa su piccoli alberi, con chioma a volume controllato e costante negli anni mediante 1 o 2 passaggi di potatura meccanica annui. Questa peculiare architettura consente ai mandorli di utilizzare macchine per la raccolta, che ne migliorano sempre di più le prestazioni e l’efficienza. Inoltre, questo tipo di formazione di siepi è molto efficiente nel ridurre le perdite per deriva durante i trattamenti fitosanitari.

Si stima che tale riduzione rispetto all’innesto possa variare dal 25 al 40% del volume applicato, a seconda del volume in questione. Il primo impianto di questo sistema è stato effettuato nel 2010 a La Granja d’Escarp (Lleida) con una cornice di piantagione di 4,0 x 1,0 m (2.500 alberi/ha). Il secondo sistema del 2013 fu dell’azienda Porxina-Mequinenza (Zaragoza), con una cornice di piantagione di 3,5 x 1,0 m (2.857 alberi/ha), quindi è un sistema relativamente recente rispetto all’innesto e alle sue differenti modalità.

Il secondo aspetto fondamentale per ottimizzare l’efficienza della siepe è ottenere una parete il più possibile uniforme e continua, evitando vuoti soprattutto nella parte basale degli alberi sopra i 50 cm. Il muro di frutta può essere formato con una struttura di sostegno e un asse centrale, che inizialmente era anche quello utilizzato negli ulivi. La seconda opzione è la coltivazione multiasse a partire da uno Smart® Tree e con un supporto individuale per ogni albero. Questo sistema, per il fatto di avere più rami, permette di occupare in modo più efficiente lo spazio assegnato ad ogni albero, soprattutto quando la distanza tra gli alberi è maggiore di 1 m. L’occupazione dello spazio si ottiene con la potatura ripetitiva della piantagione e fino a quando la siepe raggiunge la sua altezza finale nel terzo o quarto anno di piantagione (Figura 11).

Figura 11: Pinzamientos repetitivos de los brotes, ramificación progresiva y ocupación del espacio asignado para alcanzar al 3er o 4º año el volumen final. A la derecha detalle de árboles plantados en mayo de 2018 en diciembre de 2019, al final de su 2º verde.
Figura 11: Ripetute potature dei germogli, progressiva ramificazione e occupazione dello spazio assegnato per arrivare al volume finale entro il 3° o 4° anno. A destra, dettaglio degli alberi piantati a maggio 2018 e a dicembre 2019, alla fine della loro 2° maturazione.

Conclusioni

Sono stati esposti gli aspetti più notevoli della coltivazione del mandorlo in Spagna, dove questa specie sta vivendo un’espansione senza precedenti, spinta dall’innovazione tecnologica e dai buoni prezzi degli ultimi anni, tranne che per il 2020. Nell’ultima decade in Spagna sono state piantante le migliori aree dal punto di vista edafoclimatico, in modo che le nuove piantagioni, la loro ubicazione e le possibili limitazioni edafoclimatiche dovrebbero essere particolarmente a favore delle produzioni. Il mandorlo continua comunque a contare su una crescita sostenuta della domanda su scala nazionale e globale. Inoltre, dispone delle migliori condizioni climatiche dell’Europa meridionale ed è una coltura altamente meccanizzabile, il che la rende meno dipendente dalla manodopera.

L’innovazione ha portato a piantagioni moderne, gestite in modo simile agli alberi da frutto dal punto di vista tecnologico, con nuove varietà autofertili di fioritura medio-tardiva, nuovi portinnesti con un ampio range di vigoria, adattabilità e sistemi di allevamento che includono il l’innesto nelle sue diverse forme e la siepe.

Qualunque sia il sistema scelto, la tendenza negli ultimi anni è stata verso piantagioni sempre più intensive, con chiome di volume inferiore, che consentono un più rapido ingresso in produzione e una maggiore efficienza nell’utilizzo degli input, e anche una minore dipendenza dal lavoro. L’Unione Europea concentrerà la sua politica agricola e gli aiuti della PAC al settore agroalimentare sulla protezione del clima e dell’ambiente, la cosiddetta “Europa verde”.

Per questo verranno stabiliti dei limiti nell’utilizzo degli input e degli aiuti a modelli di produzione basati su efficienza e sostenibilità. Questi passano inequivocabilmente attraverso l’intensificazione del raccolto per inquadrarlo all’interno del concetto di Agricoltura 4.0, chiamato anche “Agricoltura di precisione o intelligente”, nell’ambito dell’agricoltura intensiva sostenibile. Come afferma la FAO, è il nuovo paradigma per nutrire il mondo nel 2050: “Intensificazione sostenibile della produzione agricola”.

 

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top